2008-05-13

Progetto CMR disegna la nuova sede di Pall Italia

Progetto CMR disegna la nuova sede di Pall Italia

Si inaugura a maggio 2008 la nuova sede di Pall Italia, leader mondiale nel settore della filtrazione, separazione e purificazione dei fluidi sia per il settore medico e farmaceutico (Life Sciences) sia per quello industriale (Industrial). La progettazione, improntata all’ecosostenibilità , ha consentito al team di Progetto CMR di utilizzare soluzioni innovative e di concretizzare le ricerche compiute nel corso degli anni in tema di sostenibilità ambientale. Il risultato è uno dei primi green building in Italia, un edificio ad alto risparmio energetico, realizzato grazie alle migliori tecnologie disponibili, orientate a soddisfare le esigenze del cliente. Un edificio funzionale, flessibile ed efficiente, che, insieme a rispettare l’ambiente, ricerca l'eleganza formale.

La nuova sede, situata nel comune di Buccinasco, si articola in tre edifici, due di nuova costruzione e un terzo, ricavato da una struttura preesistente, tutti con la propria specifica destinazione: il primo è sede di uffici, il secondo ospita i laboratori legati al settore delle life sciences, mentre il terzo è adibito al settore industrial e ospita magazzini al piano terreno e laboratori al primo. La continuità funzionale è garantita da una passerella vetrata aerea, che collega i primi piani delle tre unità edilizie.

La ricerca tecnologica sempre rivolta ai sogni del cliente e al rispetto dell’ambiente, è da sempre uno dei punti di forza di Progetto CMR. Soluzioni tecniche quali lo sfruttamento massimo della luce naturale, l’impianto geotermico (con utilizzo di acqua di pozzo) e la predisposizione per un impianto di produzione di energia elettrica con pannelli fotovoltaici hanno portato alla costruzione di un green building, capace di coniugare flessibilità ed efficienza con l’ecocompatibilità; il complesso edilizio, infatti, non emette né anidride carbonica né polveri sottili.

Un felice esempio di collaborazione e comunione d’intenti tra committenza e progettista, dunque, che ha consentito di raggiungere risultati ottimali per entrambi.